L’ESTRAZIONE: L’estrazione del marmo avviene in tre fasi:

Taglio verticale e riquadratura blocchi

La seconda e terza fase consiste nel taglio verticale della bancata che una volta staccata è pronto per essere ribaltato nella piazza della cava e infine si effettua la riquadratura dei blocchi: la bancata ormai ribaltata viene suddivisa in porzioni mediante l’utilizzo della macchina al filo diamantato.

Taglio della roccia al monte

La prima fase consiste nell’isolare dal corpo marmoreo che costituisce il giacimento, una gigantesca porzione di roccia, detta bancata, di forma e dimensioni definite in funzione dei blocchi che si vogliono ottenere.

LA LAVORAZIONE

Il processo produttivo di trasformazione dei blocchi può, essere riassunto in quattro fasi:

Squadratura


Squadratura dei blocchi di marmo macchinari grazie all’uso di una macchina “squadra blocchi” si tolgono le irregolarità, per ottenere lastre più “regolari”.

Segagione


La segagione in lastre è eseguita attraverso l’uso di telai ”diamantati” che consentono di ottenere tutti gli spessori desiderati, a seconda delle richieste dei clienti.

Resinatura


La resinatura, effettuata su linee automatiche, è il procedimento in cui la lastra viene rafforzata, garantendone l’integrità strutturale attraverso il riempimento di tutti difetti.

Finitura


Dopo la resinatura le lastre di marmo grezze vengono processate in linee automatizzate per realizzare tutte le possibili finiture sulla superficie: lucido, levigato, spazzolato, sabbiato, bocciardato, rullato etc.